Basati sulle vostre richieste più frequenti, ecco alcuni tools verbali per comprendere ancora più velocemente i post di WELLNESS4GOOD.

Ho pensato di creare un primo glossario con i vocaboli, gli acronimi e le espressioni che nel blog compaiono con maggiore frequenza e nei confronti dei quali i lettori hanno espresso più interesse. Vediamoli insieme.

Sulla base delle domande più frequenti che mi vengono poste, vi ho evidenziato i link ai portali delle istituzioni, perché possiate approfondirne la conoscenza se incuriositi.

 

AIFA (Agenzia Italiana del Farmaco): è un ente pubblico autonomo che opera sotto la direzione del Ministero della Salute e la vigilanza del suddetto Ministero e del Ministero dell’Economia. Garantisce l’accesso al farmaco, formulando le procedure necessarie alla sua approvazione, tiene i rapporti con gli enti e le associazioni operanti nell’ambito della salute e promuove la coscienza e la cultura del farmaco. E’ l’equivalente italiano di EMA. Qui vi parlo più nel dettaglio di un esempio paradigmatico dell’azione di AIFA.

ANTIBIOTICORESISTENZA: è il fenomeno in base al quale un batterio diventa insensibile ad un antibiotico normalmente impiegato per sconfiggerlo (vi rimando qui per approfondire il concetto). Le conseguenze possono essere molto gravi: se il batterio prolifera fino a diffondersi (attraverso la circolazione sanguigna) a tutto l’organismo, si ha la sepsi, evenienza gravissima che causa il 17% delle morti in ospedale. I nostri comportamenti possono contribuire a contenere la diffusione delle resistenze: per esempio attraverso un utilizzo degli antibiotici basato sulle evidenze scientifiche, l’adesione ai calendari vaccinali, il rispetto delle norme igieniche.

ANTIOSSIDANTI: molecole, presenti anche nel nostro organismo, deputate alla neutralizzazione dei radicali liberi, che sono specie altamente reattive in grado di danneggiare le cellule e accelerare i fenomeni legati all’invecchiamento, innalzare il rischio di sviluppare tumore e malattie neurodegenerative. Ci proteggono da questi stimoli patogeni. Molti di voi li conoscono per via dei super pubblicizzati integratori che li contengono: in realtà non vi sono grandi prove della loro efficacia (e qui lo spiego più precisamente). Gli antiossidanti che il nostro organismo sintetizza e che assumiamo attraverso una dieta ricca e bilanciata, sono più che sufficienti a soddisfarne il fabbisogno.

CELLULE STAMINALI: sono le cellule che hanno dato origine a tutti i nostri tessuti durante l’embriogenesi, le progenitrici. Si tratta di cellule indifferenziate, cioè che non si sono ancora caratterizzate, e che possono trasformarsi in un certo numero di tipologie di cellule del corpo, a seconda delle esigenze. Una quota di cellule staminali resta nei nostri tessuti anche dopo la nascita, per provvedere al loro rinnovo ad alla riparazione di eventuali danni. WELLNESS4GOOD ne parla molto spesso, in particolare per via delle potenzialità enormi ma ancora ad oggi (a causa dei limiti economici, tecnologici e relativi alla sicurezza) inespresse. Se volete saperne di più ecco ciò che fa per voi.

ECCIPIENTI: sostanze che entrano a far parte della formulazione del farmaco, in qualità di aromi, conservanti, coloranti, disgreganti e così via. Il farmaco che assumiamo non è mai costituito dal solo principio attivo (la molecola che svolge la funzione terapeutica), per ragioni sia relative alla tecnologia produttiva che alla garanzia dei requisiti di stabilità e di sterilità (per esempio nel caso delle preparazioni iniettabili). Gli eccipienti non hanno alcun effetto biologico (qui vi spiego perchè). Pensate alla pillola anticoncezionale: la quantità di principio attivo in essa contenuta è talmente esigua che sarebbe impossibile gestirne la produzione e l’assunzione se non fosse formulata.

EMA (European Medicines Agency): è l’Agenzia Europea del Farmaco, decentramento dell’Unione Europea con sede a Londra e creato nel 1995. E’ responsabile della valutazione scientifica, della supervisione e del monitoraggio della sicurezza delle medicine sviluppate dalle industrie farmaceutiche e destinate all’uso nella UE. Il suo corrispondente americano è la FDA (Food and Drug Administration). Il suo omologo italiano è AIFA. In conseguenza dei risultati del referendum inglese sulla Brexit, EMA traslocherà da Londra: Milano ha da poco presentato il dossier della sua candidatura ad ospitarla (leggete qui gli aggiornamenti).

ENGAGEMENT: è il coinvolgimento attivo del paziente nella terapia. Secondo molti studi, la partecipazione consapevole del paziente in tutte le fasi del trattamento influenza positivamente i suoi risultati. Nel link che vi indico qui, spiego perché.

EVIDENCE BASED: significa basato sulle prove ed è un’espressione che indica la priorità scientifica che caratterizza il mondo della Sanità ed ogni iniziativa che viene intrapresa in questo ambito. La prescrizione dei farmaci e delle procedure sia diagnostiche che terapeutiche deve seguire i principi di evidence based: sembra normale che si assuma un medicinale solo se necessario. In realtà non è proprio così. Pensiamo alla continua opera di sensibilizzazione che la Sanità è costretta a fare per evitare che le persone assumano antibiotici solo se prescritti dal medico, evitando di ricorrervi in caso di raffreddore (causato da virus, insensibile all’azione degli antibiotici stessi). Sotto questo aspetto la Fondazione GIMBE (e anche sotto molti altri), che promuove e realizza attività di formazione e ricerca in ambito sanitario, è un riferimento di grande valore per WELLNESS4GOOD e per la Sanità in generale.

ISTITUTO SUPERIORE DI SANITA’: è l’organo tecnico-scientifico del Servizio Sanitario Nazionale. Svolge funzioni di ricerca, sperimentazione, controllo, consulenza, documentazione e formazione in materia di salute pubblica. Opera sotto la vigilanza del Ministero della Salute.

LEA: sono le prestazioni minime che lo Stato si impegna a fornire ai propri assistiti in materia di Sanità, i livelli essenziali di assistenza garantiti dal Servizio Sanitario. L’elenco dei LEA è stato aggiornato quest’anno per la prima volta dal 2001 (qui ne parlo in maniera più approfondita).

LIFE SCIENCES: sono le scienze della vita, l’insieme delle attività di ricerca che studiano i meccanismi biologici. Comprendono le biotecnologie, la farmaceutica,  i dispositivi medici, la biochimica e le scienze della nutrizione. Se ne parla molto di recente, soprattutto perché le life sciences sono protagoniste di studi orientati a trovare sistemi per rallentare l’invecchiamento cellulare e quindi prevenire i tumori e le patologie neurodegenerative (come Parkinson ed Alzheimer). Il polo scientifico-tecnologico progettato per sorgere a Milano (Human Technopole) è centrato sulle life sciences. Scoprite perché la comunicazione è strategica per questo settore.

MALATTIE RARE: una malattia si definisce “rara” quando la sua prevalenza non supera i 5 casi su una popolazione di 10.000 persone. Il numero di malattie rare conosciute e diagnosticate è compreso fra 7.000 ed 8.000. In Italia sono due milioni le persone che ne sono affette, il 70% delle quali è in età pediatrica. Osservatorio Malattie Rare è la prima ed unica agenzia giornalistica in Italia ed in Europa interamente dedicata alle malattie ed ai tumori rari: qui potete trovare molte informazioni a riguardo.

MEDICINA DI PRECISIONE: è la medicina che offre la cura giusta, per la malattia giusta nel momento giusto. In pratica, una medicina “sartoriale”, elaborata a misura del paziente, come spiego meglio qui. E’ un concetto di estrema attualità, in particolare per malattie come i tumori, che si presentano in maniera eterogenea e rispondono alle terapie in modo diverso a seconda dell’individuo che ne è stato colpito.

MEDICINA TRASLAZIONALE: è la disciplina che ha l’obiettivo di portare le acquisizioni scientifiche dal laboratorio al letto del paziente, di renderle disponibili per la sua cura.

MENINGITE: patologia di origine batterica o virale che comporta l’infiammazione delle meningi, le membrane che avvolgono il cervello. Le sue conseguenze possono essere molto gravi, perché colpisce il sistema nervoso centrale, le cui cellule, una volta perdute, non si possono rigenerare. Le forme fulminanti portano alla morte in poche ore. Il Meningococco è il batterio responsabile di alcune forme di meningite, i cui sierogruppi dominanti in Europa sono il B ed il C, quelli per cui la vaccinazione è raccomandata e gratuita. Per un altro batterio associato ad alcune forme di meningite, lo Pneumococco, è disponibile una vaccinazione raccomandata e gratuita.

ORGANIZZAZIONE MONDIALE DELLA SANITA’ (World Health Organization, WHO): è un’organizzazione mondiale (in Italia definita OMS), che collabora con i Governi dei singoli paesi allo scopo di migliorare i livelli di salute della popolazione. E’ stata costituita il 7 Aprile del 1948, giorno che ogni anno si festeggia come la Giornata Mondiale della Salute. Ha più di 7.000 dipendenti e quartier generale a Ginevra.

NEURONE: è la cellula principale del Sistema Nervoso ed è costituito da un corpo centrale (che contiene il nucleo) e da un prolungamento (assone) che prende contatto con altri neuroni (sinapsi) o con le fibre muscolari (giunzione neuromuscolare) per veicolare informazioni o  istruzioni di movimento. In questo post qualche particolare in più su struttura e funzionamento delle cellule nervose.

NUCLEOTIDI: moduli che si ripetono formando la struttura del DNA e che sono costituiti da un gruppo fosfato, uno zucchero (desossiribosio) e una base. I nucleotidi variano fra loro per la base, che può essere di quattro tipi diversi (Guanina, Timina, Citosina ed Adenina).

POLITERAPIA: assunzione concomitante di più farmaci appartenenti o meno alla medesima area terapeutica. Espone a rischi che vanno al di là di quelli associati ad ogni singola medicina e che sono legati alle interazioni fra le molecole. E’ una delle sfide della farmacologia moderna, sempre più orientata alla gestione di pazienti in età avanzata.

PRINCIPIO ATTIVO: è la molecola che, presente nel farmaco, si lega al bersaglio biologico, scatenando la risposta farmacologica (cioè l’effetto). Il drug design è la scienza che studia la progettazione delle molecole dei medicinali al fine di raggiungere i requisiti di affinità con il target.

TECHNOLOGY TRANSFER: è il processo di traduzione dei risultati della ricerca in un prodotto finito industrializzabile. Più è veloce, minore è il tempo necessario perché i cittadini traggano benefici concreti dalla ricerca.